Diventa socio CAI !!!


Clicca sulla tessera
per scoprire le modalità

Dove siamo

Sez. CAI Ligure-Genova
Galleria Mazzini, 7/3
16121 Genova
+39 010 592122
+39 010 592122

segreteria@cailiguregenova.it

Orari di apertura della Segreteria:
da MAR a VEN dalle 17 alle 19 
il GIO anche dalle 21 alle 22.30

Sito realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Messaggio
  • Utilizzo dei cookie

    Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti l'installazione dei cookies, sul tuo dispositivo.

    Maggiori info

    Guarda l'e-Privacy Directive Documents

scrivici: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Escursionismo dolce per ragazzi dai 60 anni in su

Le Gite del Gruppo Seniores si effettuano normalmente il giovedì.

Il martedì  dalle ore 17.30- 18, ci vediamo in sede per la riunione pre-gita.

La partecipazione alla riunione può essere sostituita da una telefonata in Sede, alla medesima ora.

Presidente del Gruppo : Mario Andreani   cell. 349 6372887   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Segretario del Gruppo: Marcello Faita   cell. 347 3901876     Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Responsabile Coordinamento Gite: Giorgio Aquila   cell.338 1410216   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Apri il programma gite 2018

Apri il programma gite 2018 in pdf



PROSSIMA GITA:

 

Giovedì 20 settembre 2018

Monte Galero (1710) dal Colle di San Bernardo di Garessio (961)


Tempo di salita ore 3 -Tempo totale cammino ore 5- Dislivello salita 750 mt

Appuntamento: ore 7:00 nel posteggio antistante lo Stadio Luigi Ferraris.

Percorso di avvicinamento: A10 e A6 fino a Ceva .Poi SS28 fino a Garessio e SP per il Colle di San Bernardo dove si lasciano le auto.

Percorso a piedi: Dal Colle si prende una sterrata dove inizia la tappa 10 della AVML sino al Bocchino delle Meraviglie (1191). Si prosegue su sentiero fino al Passo delle Caranche (1411) poi a destra per sentiero fino in vetta.

Costi automobilistici i: A/R 66 €; Tempo andata ore 2 circa; distanza A/R Km 252.

Pranzo: al sacco .

Coordinatori Logistici:: 1mo Marcello Faita (cell:3473901876); 2ndo Mario Tincani (cell:3282170506)

La riunione pre gita si terrà in sede il martedì 18 settembre alle 17:30 - 18. Come al solito la presenza può essere sostituita da una telefonata alla stessa ora o da un mail inviato a questo indirizzo entro le 12 di martedì, ma è comunque obbligatoria.


ATTIVITA' SVOLTA:

Giovedi 13 e venerdi 14 settembre 2018

Salita ai laghi inferiore (2274) e superiore (2476) di Valscura        foto

con pernottamento al Rifugio Valasco (1763) .

ATTREZZATURA

L'ambiente del luogo comporta l'obbligo dell'utilizzo di un vestiario adeguato composto almeno da: pedule, pantaloni tecnici, giacca a vento, berretto e guanti , bastoncini , occhiali da sole (consigliato un poncho per la pioggia).

E' obbligatorio portare un sacco lenzuolo ed un asciugamano personale ed è consigliata una torcia elettrica per muoversi nel rifugio di notte.

DOCUMENTI

Per usufruire dello sconto riservato ai soci CAI è necessario portare la tessera CAI munita del bollino 2018.

Coordinatori logistici: 1 mo: Giorgio Aquila (3381410216), 2ndo: Emma Bisio (3489212739);

Appuntamento: ore 10:30 nel parcheggio davanti allo stadio Luigi Ferraris.

Itinerario automobilistico:
Attraversamento città con strada Aldo Moro e via Guido Rossa fino ad entrare in A10 a Ge aeroporto poi A10 fino a Savona Vado, poi A6, e A33 con uscita a Cuneo Est. Poi verso Borgo San Dalmazzo ed infine Valdieri, Sant'Anna di Valdieri e Terme di Valdieri dove si parcheggia a pagamento.

Distanze e tempi : km andata 184; ore viaggio sola andata 2h 40' (salvo code per GE aeroporto).Costo A/R per auto : 100 €.

Itinerari a piedi.
Cartografia: Fraternali editore num. 15

1 mo giorno: dal Parcheggio (mt 1385) si segue la rotabile ex militare (GTA N43) che si addentra nel vallone del Valasco , la si abbandona a quota 1485 prendendo la mulattiera che prosegue parallela al torrente e si congiunge più volte con la rotabile, si raggiunge il rifugio Valasco (1763) in circa un’ora e mezza (dislivello 378 mt).

Cena e pernottamento in rifugio. Costi rifugio: 42 € mezza pensione per soci CAI in camerata. (altre soluzioni possibili in camere a 2 e 4 posti)

2 ndo giorno: salita al lago inferiore di Valscura (2274) ed eventualmente ai laghi superiori (2476)

Dopo la colazione in rifugio si prosegue sulla rotabile ex militare (GTA N43) e trascurando il bivio per il rifugio Questa (GTA N21 e poi N23) si raggiunge il lago Inferiore. (dislivello 511 mt) in circa due ore.

Proseguendo sul sentiero GTA N24 che porta alla Bassa del Drous si raggiungono i laghi superiori. (dislivello 192 mt) in circa un’ora.

Il ritorno avviene per lo stesso percorso (circa 2,5 ore, disl in discesa 1091 mt. dal lago superiore ; 2 ore e disl di 889 mt dai laghi inferiori).

Ulteriori informazioni si possono ottenere sulla scheda del sito Alpi Cuneesi all’indirizzo: https://www.alpicuneesi.it/itinerari/vallegesso/1113.htm.

La riunione ante gita si terrà martedì 11 settembre in sede dalle 17:30 alle 18 . Alcune prenotazioni sono già state effettuate. Si consiglia vivamente a coloro che si sono prenotati di partecipare alla riunione.

 

 

Giovedì 12 e Venerdì 13 luglio 2018

Salita al Colle di Fenestrelle (mt 2463)    foto

con pernottamento al Rifugio Genova (mt 2015)

L'effettuazione dell'itinerario previsto, e di seguito descritto, è soggetta a verifica in loco sulla base delle condizioni meterologiche e di innevamento.

ATTREZZATURA

L'ambiente e le altitudini del luogo comportano l'obbligo dell'utilizzo di un vestiario adeguato composto almeno da: scarponi alti, pantaloni tecnici, indumenti caldi e giacca a vento, berretto e guanti caldi, bastoncini con rotelle da neve, occhiali da sole (consigliato un poncho per la pioggia e le ghette da neve).

E' obbligatorio portare un sacco lenzuolo ed un asciugamano personale ed è consigliata una torcia elettrica per muoversi nel rifugio di notte.

Tutto quanto portato e non indossato deve essere contenuto in un adeguato zaino.

DOCUMENTI

Per usufruire dello sconto riservato ai soci CAI è necessario portare la tessera CAI munita del bollino 2018.

Appuntamento: ore 10 nel parcheggio davanti allo stadio Luigi Ferraris.

Itinerario automobilistico:

A10 fino a Savona Vado, poi A6, poi A33 con uscita a Cuneo Est. Si prende la valle Gesso fino a Valdieri. Dopo Valdieri alla rotonda si gira a sinistra verso Entraque e dopo circa un km si tiene la destra verso San Giacomo Lago delle Rovine. Alcuni km dopo questo bivio si tiene ancora la destra verso il Lago delle Rovine (mt 1535) dove si parcheggia (forse a pagamento).

Distanze e tempi : km andata 185; ore viaggio sola andata 2h 40'.Costo A/R per auto : 100 €.

Itinerari a piedi.

1 mo giorno: dal Parcheggio (mt 1535) si può seguire la strada Enel (tortuoso e poco faticoso) oppure un sentiero che sale ripido con stretti tornanti, gradoni in pietra o ferro, ambedue giungono al rifugio Genova.(mt 2015) dislivello circa +500 mt ;tempo circa 2 ore.

Cena e pernottamento in rifugio.Costi rifugio: 38 € mezza pensione per soci CAI in camerata.

2 ndo giorno: salita al Colle di Fenestrelle (mt 2463)

Si percorre a ritroso verso il bacino del Chiotas la strada sterrata che conduce al rifugio e dopo qualche saliscendi la si abbandona a destra imboccando un sentiero (segnavia M10 GTA).

Con un paio di ampie svolte si giunge ad un pianoro e poi si inizia a salire a tornanti, dopo aver superato alcune balze rocciose si perdono alcuni metri di quota e si riprende a salire tra rocce e detriti. Si arriva in vista della forcella perdendo nuovamente quota prima dell'ultima salita entrando in una valletta dopo si può trovare ancora neve o due piccoli laghi secondo la stagione (possibile incontro con stambecchi) Poi quasi in falsopiano si raggiunge il Colle di Fenestrelle (2 h o 2:30 dal rifugio) . Bella vista sull'Argentera e a sud sul Gelas.

Coordinatori logistici: 1 mo Alberto Dallari ( 335 7402918); 2 ndo : Giorgio Bottino (3391559297).

La riunione pregitasi terrà martedì 10 luglio in sede dalle 17:30 alle 18 . Le prenotazioni sono già state effettuate. Si consiglia vivamente a coloro che si sono prenotati di partecipare alla riunione.

 

Giovedì 5 luglio 2018    variazione

Lago Nero (1541 mt) da Rocca d’Aveto   foto

 

Tempo di salita ore 2,30

Tempo totale ore 5,00

Dislivello 500 mt circa

Appuntamento: ore 7.30 nel posteggio antistante lo Stadio Luigi Ferraris (Tibuna 7)

Percorso di avvicinamento: Statale 45 sino a Bargagli indi traforo Ferriere e Provinciale Fontanabuona sino a Monleone. Passo della Scoglina. Provinciale Val d’Aveto, Rezzoaglio, Santo Stefano e Rocca d’Aveto e parcheggio auto.

Percorso a piedi: Da Rocca d’Aveto a Prato della Cipolla sentiero con segnavia cerchio giallo. Si segue la pista di discesa alle spalle del Rifugio , sfilando sotto il Monte Bue e raggiungendo il Lago Nero. Ritorno seguendo il cerchio giallo vuoto sino a Rocca d’Aveto, attraverso la Fontana Gelata e il Passo della Roncalla .

Costi automobilistici i: A/R € 30,00 Tempo ore 2,30 andata e ritorno Km 76

Colazione: al sacco al Lago Nero

Coordinatori Logistici : Angelo Terenzoni (Cell. 335 7317451) – Giorgio Bottino (Cell. 339 1559297)

 

Giovedì 28 e Venerdì 29 giugno 2018


Visita ai graffiti rupestri della Valle delle Meraviglie    foto

con pernottamento al Rifugio Valmasque (mt 2233) .

L'effettuazione dell'itinerario previsto, e di seguito descritto, è soggetta a verifica in loco sulla base delle condizioni meterologiche e di innevamento. Sono possibili itinerari alternativi intorno al Rifugio Valmasque da scegliere sul posto anche tenendo conto dei suggerimenti del rifugista.

ATTREZZATURA

L'ambiente e le altitudini del luogo comportano l'obbligo dell'utilizzo di un vestiario adeguato composto almeno da: scarponi alti, pantaloni tecnici, indumenti caldi e giacca a vento, berretto e guanti caldi, bastoncini con rotelle da neve, occhiali da sole (consigliato un poncho per la pioggia e le ghette da neve).

E' obbligatorio portare un sacco lenzuolo ed un asciugamano personale ed è consigliata una torcia elettrica per muoversi nel rifugio di notte.

Tutto quanto portato e non indossato deve essere contenuto in un adeguato zaino.

DOCUMENTI

Per usufruire dello sconto riservato ai soci CAI è necessario portare la tessera CAI munita del bollino 2018. Inoltre poiché la gita si svolge per la maggior parte in territorio francese è consigliato portare con sé la carta di identità (nonostante Schengen).

Coordinatori logistici: 1 mo Alberto Dallari ( 335 7402918); 2 ndo : Fiammetta Bonavera (347 2521219).

Appuntamento: ore 10 nel parcheggio davanti allo stadio Luigi Ferraris.

Itinerario automobilistico:

A10 fino a Savona Vado, poi A6, poi A33 con uscita a Cuneo Est. Si prende per Limone Piemonte, Traforo Colle di Tenda, St Dalmas de Tende, Lac des Mesches, Casterino.

Distanze tempi : km andata 215; ore viaggio sola andata 3h 30'.Costo A/R per auto : 112 €.

Logistica

Giunti a St Dalmas de Tende si prende la deviazione per Lac des Meches (1375 m) dove si lasciano una o due auto. Poi si prosegue per Casterino, che si supera di circa 2 km, sino a Potamou dove si lasciano le auto rimaste nel parcheggio gratuito “Portes du park” a 1720 m.

Itinerario a piedi.

1 mo giorno: Parcheggio “Portes du Park” - Refuge de la Valmasque 2233 m

dislivello +515 m , 2h e 30' (pranzo al sacco , cena e pernottamento in rifugio)

2 ndo giorno: ref. Valmasque 2233 m – ref des Merveilles 2111 m

dislivello + 330m -430m (quota max 2538 m alla Baisse de Valmasque)

Sulla via del ref .des Merveilles si costeggiano il Lac Noir ed il Lac du Basto poi, con breve risalita si raggiunge la Baisse de Valmasque ed infine si incontrano 2 siti di incisioni rupestri, visibili liberamente, prima di raggiungere il rifugio. Tra trasferimento e visita dei siti si possono considerare 6 ore.

Ritorno: dopo una sosta al rifugio si scende al lac des Mesches. Dislivello – 700 m 2h 30' circa.. Giunti al lago, gli autisti prendono le auto qui lasciate il giorno prima e risalgono al parcheggio di Casterino per riportare le altre auto. Ritorno a Genova.

Costi rifugio: pernottamento (solo soci CAI) 8,95 €, cena 18,20 €, 1ma colazione 7,50 € . totale (soci CAI) 34,65 €.

La riunione pregita si terrà martedì 26 giugno dalle 17:30 alle 18 . Le prenotazioni sono già state effettuate. Si consiglia vivamente a coloro che si sono prenotati di partecipare alla riunione.

 

Giovedì 21 giugno 2018


Monte Forato ( 1166 mt ) da Stazzema        foto


Tempo totale di cammino: 4h30'
ore circa.

Dislivello totale: 400
mt circa 

Appuntamento: ore 7.00 presso parcheggio dello Stadio Luigi Ferraris (Tribuna 7) in Via del Piano

Percorso di avvicinamento: si prende l’A12 a Genova Est e la si percorre fino alla uscita Versilia.Si torna indietro verso Querceta sulla S68 e si prende la SP9 verso Ripa Pozzi e Ponterosso. La SP9 arriva a Stazzema. Qui si prosegue su strada sterrata verso i sentieri CAI 5 e 6 fino alla sbarra di Casa Giorgini dove si lasciano le auto.

Distanza A/R: Km 294, tempo di andata : 2h15' Costo auto A/R 86 €. 

Percorso a piedi: Si raggiunge casa Giorgini (737 mt) e poi si percorre il sentiero CAI n 6 fino alla Foce di Petrosciana (961mt). Qui si prende il sentiero CAI n 110 (EE) che ci porta fino all'arco del Monte Forato (1130 mt circa).Il ritorno può avvenire su molti percorsi uno dei quali è il seguente: si prende il sentiero CAI 12 fino a Casa del Monte (921 mt) poi il 131 fino alla Foce di Petrosciana per poi scendere lungo il 6 precedentemente percorso in salita. Lungo questo sono possibili variazioni che rendono più breve raggiungere la auto.

Colazione: al sacco. 

Coordinatori Logistici
: 1mo Marcello Faita (3473901876); 2ndo Giorgio Bottino (3391559297)

La riunione pre gita si terrà in sede martedì 19 giugno dalle ore 17:30 alle 18. La presenza può essere sostituita da una telefonata alla stessa ora oppure da un mail inviato a  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro le 12 di martedì. L’adesione alla partecipazione alla gita, segnalando la disponibilità dell’auto ed il numero dei posti disponibili, è comunque obbligatoria.

 

Giovedì 14 giugno 2018


Cima Seirasso in Valle Maudagna (Mt. 2436)      foto

Tempo totale di cammino: 5,00 ore circa.

Dislivello totale: 550
mt circa 

Appuntamento: ore 7.00 presso parcheggio dello Stadio Luigi Ferraris (Tribuna 7) in Via del Piano.

Percorso di avvicinamento: si prende l’A12 a Genova Est e ci si raccorda con la A10 sino a Savona dove si svolta sulla A 6 per Torino e Mondovì dove si esce e si segue l’indicazione per “Località sciistiche” sino a Villanova Mondovì. Dopo la zona commerciale alla rotonda si svolta a sinistra seguendo l’indicazione per Frabosa Sottana. Da li si prende a dx per Prato Nevoso e si raggiunge il Colle del Prel proseguendo poi sulla dx per il Rifugio Balma (ora chiuso) dove , prima della strada (chiusa al traffico) per i Laghi della Brignola, si lasciano le auto.

Distanza A/R: Km 300, tempo di andata : 2,30h Costo auto A/R 80 €. 

Percorso a piedi: Dal rif. Balma si segue la strada sterrata (divieto per gli automezzi) per il vallone della Brignola perdendo un po' di quota e si gira poi a dx la strada sterrata che porta alla Malgheria del Vallone omonimo (1926 mt). Di qui una traccia di sentiero con bolli bianco/rossi piega decisamente a sinistra percorrendo il vallone sulla destra orografica della cima. Il sentiero, non troppo evidente ma ben segnalato con ometti, porta, con tratti anche molto ripidi, al colle situato sullo spartiacque con la Valle Ellero. Da qui senza percorso obbligato in circa 10 minuti si raggiunge la cima. del Seirasso.

Il ritorno avviene per lo stesso percorso.

Colazione: al sacco. 

Coordinatori Logistici
: 1mo Marcello Faita ; 2ndo Mario Andreani

Giovedì 7 giugno 2018

Monte Sagro (1753 m) dalla Foce di Pianza (1269 m)    foto

Tempo di salita ore 2:00 - Tempo totale ore 4,00

Dislivello 456 mt

Appuntamento: ore 7.00 nel posteggio antistante lo Stadio Luigi Ferraris,

Percorso di avvicinamento: A12 fino a Sarzana poi statale SS 446 per Fosdinovo e strade provinciali 73 e 59 fino a Piazzale dell'Uccelliera (seguire le indicazioni per Campocecina) ed infine Foce di Pianza dove si lasciano le auto (ultimo tratto su strada di cava dissestata).

Costi automobilistici : A/R 72 €

Tempo andata ore 2 ; distanza A/R Km 256.

Percorso a piedi :Ci si incammina sul 172-173 in direzione del Monte Faggiola; si trascura un primo bivio, rimanendo sul 172 e si prosegue con bella vista sul Sagro, per raggiungere, senza troppa fatica, la Foce della Faggiola (1455 m.). Poco prima di arrivare alla foce stessa è possibile salire sulla vetta del Monte Faggiola con breve deviazione dal sentiero 172 (5 min. - cippo di confine sulla vetta). Il 172 continua calando ripidamente in direzione di Colonnata, mentre il nostro percorso continua a sx su evidente e battuta traccia (segni blu) che conduce alla cima del Sagro (1753 m.). Si procede senza difficoltà sino a raggiungere la cresta nord; da qui, con un ultimo strappo si arriva in vetta.Per il ritorno è possibile compiere un piccolo anello: invece di seguire la traccia di salita che abbandona la cresta nord calando diagonalmente in direzione della Foce della Faggiola, si possono seguire i grandi ed evidenti ometti che contraddistinguono l'altra normale (piu' diretta e ripida, ma sempre senza difficolta') che termina sul 173.Continuando sul 173 si raggiunge il Rifugio Carrara per poi scendere sulla strada del Piazzale dell’Uccelliera e raggiungere l’auto a piedi.

Colazione: al sacco .

Coordinatori Logistici:: 1mo Antonella Vaccari ; 2ndo Giorgio Bottino

 


 

Giovedì 31 maggio 2018

Anello Fontanarossa- Prati della Cavalla- Fontanarossa       foto

Tempo totale di cammino: 4,30 ore circa.

Dislivello totale: 425
mt circa 

Appuntamento: ore 7,30 presso parcheggio dello Stadio Luigi Ferraris (Tribuna 7) in Via del Piano

Percorso di avvicinamento: si percorre la strada statale 45 fino oltre Rovegno poi, al ponte sul Trebbia si prende a sinistra la provinciale verso Fontanarossa (mt 950) ove si lasciano le auto.

Distanza A/R: Km 120, tempo di andata : 1h 

Costo auto A/R
24 €. 

Percorso a piedi: dalla piazza della chiesa di Fontanarossa si prende una stradetta che sale decisa verso sinistra (segnavia "un tratto giallo"). Superate le ultime case, la strada si trasforma in carrareccia ed entra in una faggeta. Si giunge su un prato con abbeveratoio, fonte e area di sosta. Andando in piano verso destra si raggiungono le ampie praterie del Pian della Cavalla fino sulla sommità del Monte della Cavalla 
Dalla vetta si ritorna indietro e si sale verso la Casa del Romano giungendo sulla Costa del Fresco dove, prima di raggiungere la provinciale, si abbandona l'ampia sterrata per imboccare a destra un sentiero. Quest'ultimo si snoda a mezza costa in direzione nord-est nella Val Terenzone, sempre identificato dal segnavia "un tratto giallo". Il percorso digrada progressivamente fino al borgo di Fontanarossa.

Colazione: al sacco. 

Coordinatori Logistici
: 1mo Giorgio Bottino  ; 2ndo Laura Belleri

 

 

Giovedì 24 maggio 2018

Monte Gifarco e Roccabruna foto

Tempo totale di cammino A/R: 5,30 ore circa.

Dislivello totale: mt. 613 circa
Appuntamento: ore 7,30 presso parcheggio Piscine della Sciorba
Percorso di avvicinamento:  Si percorre la SS 45 della Val Trebbia sino a Loco dove si prende la diramazione per Fontanigorda (Chiesa)

Distanza A/R: Km 104 tempo di andata: 1h,30'.
Costo auto A/R € 20,00
Percorso a piedi: .Salita: partenza dalla piazza della chiesa (817) - Bosco delle Fate seguendo il segnavia “cerchio giallo vuoto” - rovine baite - pendici ovest Monte Gifarco - Passo del Fante (1261) - Passo del Gifarco (1267) - pendici sud-ovest Monte Gifarco - Monte Gifarco (1381) - pendici sud-ovest Monte Gifarco - Passo del Gifarco (1267) - pendici sud Monte Roccabruna - Monte Roccabruna (1418)
Discesa: Monte Roccabruna - pendici sud Monte Roccabruna - innesto con il sentiero pallino giallo  (svolta a sinistra) - pendici sud-est Monte Roccabruna - Passo di Esola (1307) - Fonte Mora - Pian Brogione (1150) - strada provinciale Casanova-Fontanigorda (svolta a sinistra) - Fontanigorda (817).

Il percorso è classificato “E” salvo la salita alla vetta del Monte Gifarco per la quale si deve percorrere un breve canalino roccioso classificato “EE” (Escursionisti Esperti). Tale salita non è obbligatoria ed il percorso ad anello può essere effettuato anche senza raggiungere la vetta del Monte Gifarco.

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici: 1mo.Erahrd Stoehr  – 2do Francesco Torello

 

Giovedì 17 maggio 2018

Visita guidata del Forte di Fenestrelle        foto

Tempo di visita guidata “dentro le mura” : 3 ore circa.

Appuntamento: ore 5:50 presso parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte a ingresso tribuna n° 7 Via del Piano. La partenza dell'autobus è prevista alle ore 6. L'autobus effettuerà una ulteriore fermata in Via Dino Col alle ore 6:20.

Percorso di avvicinamento: effettuato con autobus a noleggio della società Volpi. Arrivo previsto presso il Forte alle 9:30. Inizio visita ore 10.

Costo : dipenderà dal numero esatto dei partecipanti. Può variare tra un massimo di 33 e un minimo di 27 € a persona.

A questa cifra va aggiunto il costo della visita che è di 8 €.

Percorso a piedi: Si svolge all'interno degli edifici che costituiscono il Forte.

Si visitano i Forti San Carlo e Tre Denti salendo fino alla Garitta del Diavolo; si percorre anche un tratto della scala coperta e si raggiungono e visitano alcune casermette. La visita termina alle 13 circa. (la visita guidata comprensiva della Scala Reale che sale fino al Forte delle Valli con un dislivello di 600 m e 4000 scalini dura 7 ore e quindi non è fattibile per mancanza di tempo).

Attrezzatura: trattandosi di percorso su selciato non sono necessarie pedule da montagna; potrebbe essere utile una torcia elettrica.

Colazione: a scelta al sacco o in trattoria.

Ritorno: L'ora di partenza dell'autobus sarà concordata in loco

Coordinatori Logistici: 1mo.Alberto Dallari  ; 2ndo Lino Mariotto

 

 

Giovedì 10 maggio 2018

Monte Gottero (m 1639) dal Passo della Cappelletta (m 1085)    foto

Tempo totale di cammino A/R: 4,5 ore circa.

Dislivello totale: mt. 560 circa
Appuntamento: ore 7,30 presso parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte a ingresso tribuna n° 7 Via del Piano.
Percorso di avvicinamento: A12 da Ge Nervi sino a Sestri Levante. Proseguire sino a Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese, San Pietro in Vara e Varese Ligure. Si prende poi per il Passo di Cento Croci e prima di giungere al Passo, si svolta a dx verso il Passo della Cappelletta (ca. 4 km) dove si posteggia.

Tempo sola andata: 1h 45'.; Km a/r :184
Costo auto A/R € 44,00.
Percorso a piedi: Dal Passo della Cappelletta (4.5 km dal Passo di Cento Croci) (1085) si seguono i segni dell'Alta Via  che conducono dapprima al Passo del Lupo (1155) e poi, attraverso l'antica "Strada dei Termini", ad un bivio nel bosco (1300). Qui si abbandona l'Alta Via (che prosegue a mezzacosta verso la Foce dei Tre Confini e si sale sulla destra (segni bianco-rossi) fino a raggiungere la vetta del Monte Gottero (1639).
Al ritorno si prosegue sul crinale in direzione est scendendo alla Foce dei Tre Confini (antico cippo di confine tra Repubblica di Genova, Parma e Toscana) (1416). Dalla Foce dei Tre Confini si svolta a sinistra e si imbocca la mulattiera (segnavia  ) che, attraverso le splendide faggete del versante settentrionale del Gottero, riporta al bivio di quota 1300 e al Passo della Cappelletta (1085).

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici: 1mo.Lino Mariotto ; 2ndo Fiammetta Bonavera.

 

 

Giovedì 3 maggio 2018      gita annullata

Monte Nero (981m) da Menosio (310m)   in Valle Arroscia

Tempo totale di cammino A/R: 5,30 ore circa.

Dislivello totale: mt. 680 circa
Appuntamento: ore 7,30 presso parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte a ingresso tribuna n° 7 Via del Piano.
Percorso di avvicinamento: Ingresso Autostrada a Genova Est poi A 12 ed A10 sino ad Albenga. All'uscita ci si dirige verso il mare fino ad incrociare la SS453 per Pieve di Teco che si segue in direzione Villanova di Albenga; circa 2,5 km dopo l'abitato si svolta per Vendone sulla SP21. In prossimità della frazione Celsa si piega a destra per la SP35 in direzione di Menosio. Si parcheggia nell'abitato (Via Genova).Data la presenza di numerose recenti rotatorie e della tortuosità del percorso è molto utile il navigatore.

Distanza A/R: Km 206,tempo di andata: 1h,40'.
Costo auto A/R € 62,00.
Percorso a piedi: Il percorso è indicato all'inizio da segnavia SL e tre palle rosse a triangolo ed inizia da via Poggi che sale ripida (asfalto). Si sale seguendo le indicazioni SL per i tornanti di Via Poggi cercando la pendenza maggiore. Dopo circa 70 mt di dislivello si trascura l'asfalto verso sinistra e si prosegue dritto su sterrata. A circa 490 m di altitudine (in vista di un passo) si svolta bruscamente a sinistra e si trova il segnavia triangolo rosso vuoto e altri segni rossi che si seguono fino in vetta (ore 3 da Menosio). I segnavia sono distanziati ed il sentiero è a volte inerbato, occorre quindi fare attenzione per non perdere la direzione.

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici: 1mo.Marcello Faita ; 2ndo Gianfranco Migliorero.

 

Giovedì 26 aprile 2018

Crocetta di Tiglieto – Colle dei Ferri (822mt)    foto

Tempo totale di cammino A/R: 4,30 ore circa.
Dislivello totale: mt. 400
Appuntamento: ore 7,30 presso parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte a ingresso tribuna n° 7 Via del Piano
Percorso di avvicinamento: Ingresso Autostrada a Genova Est poi A10 e A26 sino a Masone poi a sinistra in Valle Stura sino a Rossiglione. Qui si imbocca a sinistra la diramazione per Tiglieto che risale la valle del Torrente Gargassino sino alla Crocetta di Tiglieto (m. 619). Da lì, seguendo l’indicazione “strada panoramica”, si percorre a sinistra una strada asfaltata sino alla località Vasche dell’Acquedotto dove si lasciano le auto.

Distanza A/R: Km 124,tempo di andata: 1h,10'. 
Costo auto A/R € 30,00.
Percorso a piedi: Dalle Vasche dell’Acquedotto si prosegue su sterrata seguendo il segnavia FIE “due quadrati gialli” sino al Colle dei Ferri.

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici : 1mo.Laura Belleri ; 2ndo Loretta Cavalli

 

Giovedì 19 aprile 2018

Giro dell’isola Palmaria    foto

Tempo totale di cammino: 4.30 ore circa

Dislivello in salita e in discesa: circa 300 m. Quota max: 180 m

Lunghezza percorso: 9 Km

Appuntamento: ore 9.00 La Spezia presso la Biglietteria del Consorzio Marittimo Turistico Cinque Terre Golfo Dei Poeti - Passeggiata Morin, Banchina Revel (incrocio Via A.Diaz e Viale Italia); a 20-30 minuti di camminata dalla stazione (1,3 km). V. mappa nel file allegato.

Traghetto La Spezia-Palmaria ore 9.15 costo 12 euro A/R

Prenotato per gruppo CAI di almeno 25 persone (sarà fatto un unico biglietto di gruppo)

info: per consentire di godere della vista della costa si comunica che questa si troverà a destra del traghetto all'andata ed a sinistra al ritorno.

Suggerimento per viaggio in TRENO:

Frecciabianca da Genova P.Principe ore 7.05, da Brignole ore 7.12 Arrivo a La Spezia ore 8.14 costo 9.90 euro (solo per supereconomy che richiede prenotazione molto anticipata).

Percorso a piedi:

Il sentiero ha inizio su di una strada sterrata che sale dolcemente in quota costeggiando la parte dell'isola rivolta verso il Golfo della Spezia (segnavia bianco-rosso), oltrepassa uno stabilimento balneare e permette di scorgere la Fortezza Umberto I, la Torre Scola e le numerose spiaggette della Cala della Fornace. Una deviazione, in salita sulla destra del percorso, conduce all'ex stazione-postelegrafica, in località il Roccio, considerata una delle terrazze più belle di tutta la Liguria e circondata in primavera da grandi fioriture di ginestra e di valeriana rossa ma soprattutto sede del cisto rosso al limite della sua area di distribuzione. Proseguendo lungo il sentiero di mezza costa, che percorre il lato rivolto a sud dell'isola, attraverso una zona di macchia mediterranea alternata a zone di lecceta, si effettua una ripida discesa che permette di raggiungere la spiaggia del Pozzale. Una piacevole passeggiata lungomare collega le spiagge con la zona limitrofa caratterizzata dalla presenza di una ex cava di marmo Portoro (una preziosa varietà di marmo nero con venature giallo oro), ora regno incontrastato dei gabbiani reali che vi nidificano. Lasciando alle spalle il panorama dell'Isola del Tino, si intraprende la salita attraverso la parte più selvaggia e brulla del sentiero che conduce alla sommità della Palmaria a quota 180 m.. Giunti sulla strada, dalla quale si distaccano alcune varianti, svoltando a sinistra si arriva al Centro di Educazione Ambientale. Proseguendo si raggiunge la strada sterrata da cui si diparte il sentiero più impervio dell'isola di fronte al promontorio dell'Arpaia dove si eleva la chiesetta di San Pietro di Porto Venere. Arrivati a livello del mare un semplice percorso di spiaggia e sentiero conduce alla località di partenza detta del Terrizzo.

Note tecniche: porre attenzione nella discesa verso Cala Pozzale e lungo la falesia meridionale verso San Pietro. Dopo le piogge è sconsigliabile intraprendere questo tratto per il terreno molto scivoloso (rocce e argilla).

Colazione: al sacco.

Ritorno: Traghetto Palmaria-La Spezia ore 16.20 e TRENO Frecciabianca da La Spezia ore 17.46 con Arrivo a Genova Br. ore 18.43, a Genova P.Principe ore 18.50 costo 9.90 euro

(oppure Regionale ore 17.50 Arrivo a Genova Br ore 19.15, costo 7.90 euro)

Coordinatori logistici:1° Antonella Vaccari  - 2° Amelia Paccani

 

Giovedì 12 aprile 2018         gita annullata

Busalla - Borgo Fornari

Tempo totale di cammino A/R: 5 ore circa.

Dislivello totale: mt. 450 circa

Appuntamento: ore 7,30 presso biglietteria Stazione FFSS Brignole.

Percorso di avvicinamento: treno ore 7.51 fino a Busalla, arrivo ore 8:40

Percorso a piedi: da Busalla si prende un sentiero segnato con doppia X gialla sino a Pian di Reste ove si incontra la traccia del metanodotto che si segue (E/1) fino a Fraconalto. Dall'abitato si segue un sentiero segnato con due triangoli pieni gialli che conduce all'incrocio con il sentiero che porta a Borgo Fornari.

Ritorno: in treno dalla stazione di Borgo Fornari scegliendo tra i seguenti orari: 15.12; 16:12, 17:12.

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici: 1mo. Angelo Terenzoni  , 2.ndo Erhard Stoehr

 

Giovedì 5 aprile 2018


Pizzo d'Evigno (mt 989) da Evigno (mt 400) foto

Tempo totale di cammino A/R: 4,30 ore circa.
Dislivello totale: mt. 589 circa

Appuntamento: ore 7,30 presso parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte a ingresso tribuna n° 7 Via del Piano.

Percorso di avvicinamento: autostrada Genova-Ventimiglia (A10); uscita di San Bartolomeo al mare (dopo Andora, prima di Imperia Est); raggiungere direzione mare la via Aurelia (rotonda), a destra in direzione Ovest; a Diano Marina, prima del ponte sul torrente San Pietro, voltare a destra in direzione della nuova stazione ferroviaria (sponda sx del torrente) e dopo averla superata continuare fino a Diano San Pietro e oltre verso Diano Roncagli sempre sulla sponda sx del torrente. Appena prima della frazione Roncagli svoltare a sinistra, oltrepassando il ponte e salire (tornanti ampi) fino alla frazione Evigno, arrivando fino in alto al paese nella piazza della chiesa, dove c'è parcheggio.

Distanza A/R: Km 250, tempo di andata : 1h e 40 min 
Costo auto A/R 75,00 €. 

Percorso a piedi: dalla piazza della chiesa prendere a sinistra la Via San Bernardo (freccia indicatrice di legno), prima asfaltata, poi cementata fino a un bivio con palina di legno e grande freccia dipinta in rosso. Di qui a destra per una sterrata che presto si lascia in corrispondenza di una seconda freccia indicatrice in legno. Si sale quindi a sinistra per una mulattiera in parte lastricata (segni di vernice azzurra, poi rossa) fino a una terza freccia indicatrice in legno, dove si svolta ancora a sinistra, in salita più ripida, seguendo nel bosco un percorso quasi in cresta (segni di vernice rossi). Quando il bosco si fa rado, il sentiero diventa meno evidente, per le molte tracce di bovini, ma si seguono vari ometti, sempre in salita abbastanza ripida, fino a raggiungere l'ampia cresta sud del monte, senza più alberi, da seguire verso destra (segni bianco-rossi) fino in vetta (panorama su Alpi Liguri da un lato, sulla costa dall'altro) 2h30.

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici : 1mo. Anna Fresia  , 2.ndo Andrea Messina

 

Giovedì 29 Marzo 2018

Monte Liprando (mt. 1122) da Montoggio (mt. 450)      foto

(Sentiero di Sant'Agostino)

Il sentiero è stato percorso oggi, domenica 25 marzo, da Laura, Mario e Marcello. Presenta alcune caratteristiche : 1) l'orientamento non è facile a causa dei frequenti cambi di direzione e dell'ambiente 2) il fondo è innevato per un tratto di circa mezz'ora 3) ci sono due passaggi nei quali bisogna usare le mani. Noi abbiamo impiegato 3h 20min per salire e 2h 30 min per scendere. Si chiede di applicare integralmente il regolamento di Gruppo nell'effettuare l'escursione.

Tempo totale di cammino A/R: 6,00 ore circa.
Dislivello totale: mt. 670 circa

Appuntamento: ore 8,00 presso parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte a ingresso tribuna n° 7 Via del Piano.

Percorso di avvicinamento: Ingresso autostrada a Genova Est poi A7 con uscita a Busalla. Si prosegue sulla provinciale che porta a Montoggio dove si lasciano le auto.

Distanza A/R: Km 70, tempo di andata : 40 min 
Costo auto A/R 20,00 €.

Percorso a piedi: Si passa il ponte sul torrente Scrivia e sulla sinistra (Via Insurrezione – 439 m) inizia il segnavia Fie  per la vetta. Dopo aver superato un altro piccolo posteggio, si abbandona, definitivamente, l'asfalto piegando a sinistra. In breve, si giunge a un bivio dove si ignora la deviazione sulla destra per l’abitato di Gorretta. Si sfiora un edificio isolato, ma ancora in buono stato, e, dopo, si affronta, per un tratto non breve, la parte più ripida del tracciato in un bosco di querce. Ci si inerpica così sul crinale tra Val Pentemina e Val Brevenna. Si sale a lungo e quando si vedono due muretti da entrambi i lati significa che sta per spianare da una piccola sella, sotto il monte Garego (1h30). Qui si svolta a destra guadagnando ancora quota. Dalla ‘Brava dei Piani’, caratterizzato da un fitto bosco, la via passa sul versante Nord del monte Badriga (simboli basilari in questo tratto). Si supera un cancello, dove inizia una pista per trattori. Più avanti la si trascura e si piega a destra  fino a ritrovare lo spartiacque, abbandonando, infine, una traccia che si sviluppa in piano. Con due passaggi un minimo difficoltosi si è in vetta. Non prima di aver avuto l’illusione di essere arrivati, ma la cima dista solo pochi minuti (circa 3h in tutto, con calma - 2h30 per il ritorno). Il monte Liprando (1122 m) è proprio in una bella posizione e regala uno splendido panorama a 360 gradi! 
Il rientro è per la via di salita. Il sentiero è tracciato benissimo, ma al ritorno bisogna prestare attenzione per i tanti bivi (se si cammina distrattamente si può sbagliare!).

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici : 1mo. Marcello Faita , 2.ndo Giorgio Bottino.

Mercoledì 21 Marzo 2018

Monte Taccone (mt. 1113) dal Passo della Bocchetta (mt. 772)        foto

Tempo totale di cammino A/R: 5,00 ore circa. 
Dislivello totale: mt. 350

Appuntamento: ore 8,00 presso parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte a ingresso tribuna n° 7 Via del Piano

Percorso di avvicinamento: Ingresso autostrada a Genova Est poi A7 con uscita a Bolzaneto. Si prosegue per Pontedecimo e Campomorone dove si prende la SP 36 per il Passo della Bocchetta dove si parcheggia.
Distanza A/R: Km 52, tempo di andata : 1,00h

Costo auto A/R 12,00 €.

Percorso a piedi: Dal Passo della Bocchetta (mt.772) si prende un’antica stradina lastricata che risale sulla destra della provinciale, seguendo la segnaletica E1 – AV, camminando tra boschetti di conifere e aree aperte che offrono vedute panoramiche fino al mare.

Si prosegue sullo spartiacque che segna il confine tra le province di Genova e Alessandria, per circa un chilometro e mezzo, fino a giungere alle pendici del Monte Leco dove, nei pressi di un grande ripetitore, si lascia la carrozzabile e si imbocca il sentiero sulla sinistra. Tra lievi saliscendi si arriva a una sella che mette in comunicazione la valle del rio Crovi e quella del rio dei Campi. Successivamente il sentiero si snoda lungo il crinale tra ampi pascoli, superando lievi pendenze e arrivando in prossimità del Monte Taccone.

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici : 1mo. Marcello Faita  2.ndo Mario Andreani

Martedi 13, mercoledi 14 e giovedi 15  marzo 2018

Gita all'Alpe Devero con ciaspole                                foto

La gita già programmata per il 1 marzo e poi per il 15 verrà effettuata nei giorni 13,14 e 15 marzo. 
Partenza: il martedì 13 marzo alle ore 11: 30 da Via Dino Col. 
Pernottamenti: il 13 sera ed il 14 sera al rifugio E. Castiglioni all'Alpe Devero. 
Ritorno : il giovedì 15 marzo. 
I soci che effettueranno questa gita sono già noti e distribuiti sulle auto. 
I dettagli delle attrezzature, delle attività e dei costi sono già stati descritti per la gita annullata il 1 marzo

I coordinatori della gita sono Lino Mariotto  e Alberto Dallari  
Non è prevista una ulteriore riunione preparatoria.

Giovedì 15 Marzo 2018       gita spostata a mercoledì 21 marzo

Monte Taccone (mt. 1113) dal Passo della Bocchetta (mt. 772)

 

Giovedì 8 marzo 2018

Bric Camulà (m. 818) da Lerca        foto

Dislivello: circa 620 m.

Appuntamento: ore 8:00.In Genova nel parcheggio antistante lo stadio Luigi Ferraris

Percorso in auto: A12 con ingresso a Genova Est e poi A10, con uscita al casello di Arenzano.

Secondo appuntamento: nel tratto di Aurelia in salita subito dopo essere usciti dal casello (eventuale sosta bar, se richiesta, svoltando a destra quasi al termine della salita in direzione Ospedale).

Si valica poi la Colletta e si scende fino al rettilineo di Cogoleto prendendo poi a destra sino a raggiungere la località Lerca, dalla quale si prosegue lasciando a sinistra la strada per Sciarborasca e, seguendo i due segnavia A rossa in campo bianco e doppia riga rossa, sino alla Cappella di S. Anna e poi a un serbatoio dell’ acquedotto (quota 190/200) dove si può posteggiare.

Costi auto: distanza a/r: km 70, tempo solo andata: 40 min, costo per auto a/r: 20 €.

Percorso a piedi:
dal parcheggio (cartello illustrativo del Parco del Beigua) si inizia con un tratto di salita ripida (circa 15 minuti) sino a raggiungere una mulattiera che si percorre sino a raggiungere sulla sinistra la deviazione per la nostra meta. Ora il segnavia è solo quello della “A” rossa in campo bianco, che ci accompagna sino al bivio (circa a quota 700) che ci porterà in vetta. Si risale questo sentierino seguendo numerosi ometti in pietra, piccoli tratti di pietraia e altre tracce, sino a raggiungere la vetta, piuttosto ridotta come ampiezza.

NOTA: il sentierino di accesso alla vetta ha diversi tratti ripidi, con fondo discontinuo in pietraia. Non richiede doti particolari, ma una discreta attenzione soprattutto in caso di bagnato o presenza di neve. Non va assolutamente sottovalutato, e richiede che venga percorso senza sorpassi.

Colazione: al sacco.

Coordinatori logistici: 1° Livio Cesarini   2° Andrea Messina


Giovedì 1 marzo 2018

Ci sono due diverse escursioni

1) Rifugio CAI Capanna E. Castiglioni all'Alpe Devero     spostata al 15 marzo

da effettuarsi con le ciaspole, già programmata da tempo, prevede uno o due pernottamenti  .

Costo per ½ pensione 38 € per soci .

Portare tessera CAI, sacco lenzuolo, pila e , per coloro che ne dispongono, ARTVA.

Appuntamento : ore 11:30 presso aiola antistante sede Aci viale Brigate Partigiane.

I soci che effettueranno questa gita sono già noti e distribuiti in quattro auto.

Eventuali nuovi partecipanti dovranno segnalarsi urgentemente.

Percorso di avvicinamento: A26 fino al suo termine proseguendo poi verso il Sempione seguendo le indicazioni Crodo-Val Formazza sino a Baceno ove si svolta a sinistra in direzione di Goglio e dell'Alpe Devero. Le auto si lasceranno in un posteggio che dista circa 15 minuti a piedi dal Rifugio Castiglioni.

Km andata : 274. Tempo di percorrenza: 3 ore circa. Costo per auto a/r :144 €.

Il programma di escursioni sul posto dipende dalle condizioni meteo e del manto nevoso e verrà stabilito tenendo conto delle indicazioni dei gestori del rifugio. In linea di massima:

Venerdì 2 marzo: Rifugio Castiglioni - Trampiolo – Codelago (lago Devero) e ritorno. Dislivello circa 250 mt ;durata 4 ore circa. Se le condizioni lo permettono si può tornare al rifugio facendo il periplo del lago.

Sabato 3 marzo: una escursione breve che consenta il ritorno a Genova poco dopo il tramonto. Per esempio: lago Nero dislivello 340 mt durata 2,5 ore o lago Streghe ore 2 disl 140 mt.

Naturalmente chi volesse soggiornare per una sola notte potrà tornare a casa dopo la ciaspolata di venerdì.

Coordinatori Logistici: 1° Lino Mariotto 2° Alberto Dallari

 

considerando che la partecipazione alla gita sopra citata è limitata nel numero delle persone ed incerta a causa delle instabili condizioni meteo si prevede anche la seguente escursione:

2) Rapallo – Montallegro – Rapallo    gita annullata

Dislivello ca. mt. 600 Quota massima mt. 613 Tempo totale ore 4,30

Appuntamento : Ore 8,00 Biglietteria Stazione Brignole

Orario treno regionale 8,25 (biglietto andata e ritorno per Rapallo)

Percorso a piedi: Dalla stazione di Rapallo si prende il sentiero con cerchio rosso barrato, che si segue sino alla piana dei Merli. Da lì si prende il sentiero con tre pallini rossi, sino ad incrociare quello con il rombo rosso che conduce al Santuario di Montallegro. Il ritorno potrà essere effettuato per la mulattiera acciottolata che conduce a Rapallo o ,in alternativa., si può continuare sul sentiero con rombo rosso, pervenendo a Rapallo passando per Sant’Ambrogio, così allungando il percorso di circa 45 min.

Colazione: al sacco

Treni per il ritorno : dalle 15,10 ogni 30/40 min

Coordinatori Logistici:° Angelo Terenzoni, 2° Laura Belleri

 

Giovedì 22 febbraio 2018                 gita annullata

Bavari – Monte Fasce – Apparizione

Dislivello in salita : circa 500 m

Dislivello in discesa: circa 550 m

Appuntamento: ore 8:10 al capolinea del bus 85 in Viale Thaon de Revel (giardini st. Brignole).L’autobus parte alle 8:35. (coloro che abitano nel levante cittadino possono incontrare lo stesso bus all’incrocio tra Via Borgoratti e Via Timavo intorno alle 9:00)

Percorso a piedi: Dalla chiesa di San Giorgio di Bavari si raggiunge, in salita, Via Piani del Ferretto dove si incrocia il sentiero Marassi- Bavari- Monte Fasce segnato da un rombo rosso, lo si segue e poi, poco sotto la vetta del Fasce, che volendo si raggiunge in breve per poi tornare indietro, si prende il sentiero Quinto – Monte Fasce indicato da una T rossa rovesciata. Poco dopo si prende a ponente uno dei sentieri non segnati che scendono verso il fondovalle e poi percorrendo la strada asfaltata che porta all’Osteria del Liberale si raggiunge la località di Apparizione. (quota circa 250 m) Da Apparizione con il bus 87 (diretto) si raggiunge il centro di Genova oppure con l’88 si scende fino a Borgoratti e poi con il 44 si raggiunge il centro.

Una possibile alternativa è scendere per il sopra citato sentiero Quinto – Monte Fasce fino al Cimitero di Quinto e a Corso Europa. Questo sentiero è assai ripido e qualche volta disagevole per cui si raccomandano scarpe adatte e l’uso dei bastoncini. 
Raggiunto Corso Europa si prende il 17 per tornare al centro di Genova.

Colazione: al sacco.

Coordinatori logistici: 1 Laura Belleri ; 2 Lorenzo Bonacini

 

Giovedì 15 Febbraio 2018

Rifugio Monte Antola dalle Case del Romano (con ciaspole)     foto

Tempo di salita: ore 2,30

Tempo totale: ore 5,30

Dislivello: 350 mt circa

Appuntamento:  ore 7,30 nel posteggio antistante le Piscine della Sciorba

Percorso di avvicinamento: Strada Statale n° 45 sino a Torriglia e superato il paese si prosegue per Propata e Case del Romano.

Costi auto (Km totali 100 ; costo € 20,00)

Percorso a piedi: Si parcheggiano le auto nei pressi della Locanda “Casa del Romano” e si prende il sentiero o traccia sulla neve che sale verso l’Osservatorio Astronomico. Si tralascia l’indicazione per il Monte Carmo e si prosegue portandosi sulla cresta e seguendo il percorso verso il Monte Antola. Nei pressi della Cappella ai piedi del Monte si seguono le indicazioni per il Rifugio del Parco.

Colazione: Al Rifugio del Parco dell’Antola

Coordinatori Logistici : 1° Emma Bisio – 2° Gianfranco Migliorero


Giovedì 8 febbraio 2018

Crocetta d’Orero – Monte della Vittoria            foto

Dislivello: 450 m circa

Ore di cammino totali: 4 circa

Appuntamento: Parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte all’ingresso tribune N° 7 ore 8,00

Avvicinamento: Dallo stadio si prosegue verso l’ingresso autostradale di Genova Est dirigendosi a Bolzaneto e uscendo poi al casello di Busalla. Si prosegue verso Casella e prima di entrare in paese si gira a destra verso Genova e Crocetta d’Orero dove si parcheggia.(Costo per auto € 16,00 km a/r 64)

Percorso a piedi: Si prende verso NW il sentiero dell’Alta Via dei Monti Liguri e si prosegue verso N sempre sull’AVML e deviando poi sulla destra per il Monte Vittoria in prossimità del Santuario della Vittoria.

Per il ritorno: si segue lo stesso percorso per tornare alle auto . Il percorso totale a piedi è di ca 9 km.

Pranzo: al sacco

Coordinatori : 1mo Gianfranco Migliorero  – 2° Giorgio Aquila

Giovedì 1 febbraio 2018

Monte Mussiglione (mt.1942) dalla Colla di Casotto (mt. 1381) con ciaspole    foto

Tempo totale di cammino A/R: 5,30 ore circa.
Dislivello totale: mt. 561

La quota e la stagione richiedono un buon abbigliamento invernale – Giacca a vento, pantaloni tecnici, ghette (consigliate), ciaspole e bastoncini .

Appuntamento: ore 7,00 presso parcheggio ACI V.le Brig. Partigiane

Percorso di avvicinamento: Autostrada A10 sino a Savona, poi A 6 sino a Ceva dove si esce e si percorre la Valle Tanaro sino a Garessio dove si svolta a dx per la Colla di Casotto dove si parcheggia.

Distanza A/R: Km 255, tempo di andata : 2,30h 
Costo auto A/R 64,00 €. 

Percorso a piedi Poco prima del Colle di Casotto (m 1381) sul versante della Val Tanaro, dal piazzale presso la Baita dei Castori, parte verso sud una ripida carrareccia che, attraverso un bosco di faggi, giunge, a quota 1650 circa, sulla dorsale sudest del Monte Berlino, sopra la costa Bruciata, che divide Valdinferno dalla valle del rio Luvia. In basso (sudovest) è ben visibile il rifugio Savona che si può raggiungere per sentiero erboso in circa 20 minuti. Piegando a destra (nord) per spaziosi prati, si perviene alla sommità del Monte Berlino (m 1789 - ore 1,30 dalla partenza), sormontato da una vecchia costruzione degli impianti sciistici.
Dalla vetta, verso ovest, una mulattiera taglia la dorsale, si giunge ad una sella erbosa (m 1921 - ore 2,15 dalla partenza), dove sorge una piccola costruzione. Da questa insellatura, piegando a destra (nordovest) su deboli tracce di sentiero, si tocca in 15 minuti il Monte Mussiglione, con le due cime: Praietto (m 1942) e Becco di Mezzodì (m 1947).

Colazione: al sacco.

Coordinatori Logistici : 1mo Alberto Dallari  ; 2ndo Rodolfo Zecchini

 

Giovedì 25 gennaio 2018      gita annullata

Crocetta d’Orero – Monte della Vittoria

Dislivello: 450 m circa

Ore di cammino totali: 4 circa

Appuntamento: Parcheggio Stadio Luigi Ferraris di fronte all’ingresso tribune N° 7 ore 8,00

Avvicinamento: Dallo stadio si prosegue verso l’ingresso autostradale di Genova Est dirigendosi a Bolzaneto e uscendo poi al casello di Busalla. Si prosegue verso Casella e prima di entrare in paese si gira a destra verso Genova e Crocetta d’Orero dove si parcheggia.

Costo per auto: € 16,00 km a/r 64

Percorso a piedi: Si prende verso NW il sentiero dell’Alta Via dei Monti Liguri e si prosegue verso N sempre sull’AVML,  deviando poi sulla destra per il Monte Vittoria in prossimità del Santuario della Vittoria.

Per il ritorno: si segue lo stesso percorso per tornare alle auto.  Il percorso totale a piedi è di ca 9 km.

Pranzo: al sacco

Coordinatori : 1mo Gianfranco Migliorero  – 2° Mario Andreani

 

Giovedì 18 gennaio 2018

Ciaspolata da Cardini al Monte Alpet (m 1611)  foto

Dislivello: 450 m

Ore di cammino totali: 4 circa

Appuntamento: parcheggio antistante le tribune dello Stadio Ferraris ore 7:30.

Avvicinamento: entrata A12 a Genova est, poi A10 fino a Savona e A6 fino a Ceva, poi verso Lesegno, San Michele di Mondovì, Torre di Mondovì, Roburent, San Giacomo , Cardini (m 1158) dove si lasciano le auto. (km solo andata 130, tempo di percorrenza 1h:40')

Costo a/r per auto : 70 €

Percorso a piedi: il percorso è segnato sulla cartina allegata come D05 e poi CA02: Dall'abitato di Cardini (m 1158) si sale alla Croce dei Cardini (m 1225) e poi due itinerari sono possibili fino in vetta (m 1611). E' consigliato quello di cresta.

Pranzo: è previsto pranzare nella baita che si trova in vetta al monte Alpet all'arrivo della seggiovia.

Coordinatori : 1mo: Lino Mariotto ; 2ndo: Fiammetta Bonavera

 

Giovedì 11 gennaio 2018

Anello della Rocca dei Corvi    foto

Dislivello: 450 m circa

Ore di cammino totali: 4 circa

Appuntamento: Viale Brigate Partigiane davanti sede ACI ore 8 e 30.

Avvicinamento: autostrada fino a Savona; poi a destra superstrada fino a Vado Ligure, quindi su rotabile si entra nella valle del torrente Segno, si attraversa il paese di Segno e si arriva a Cunio dove si prende una diramazione che, in corrispondenza di un tornante, sale ripida verso sud ovest. Si lasciano le auto dove termina l'asfalto (340 m circa).

Costo per auto 32 €, km a/r 122

Percorso a piedi: si prende la sterrata verso nord est, si raggiunge un bivio a quota 353. Si prende a sinistra e oltrepassato un serbatoio si prosegue a sinistra (vecchi segnavia imprecisi). Si prosegue su carrareccia. Al bivio su sterrata si prende a destra. Poi, superata una frana, si prende un sentiero a sinistra (segnavia linea e punto rossi). Si giunge al Colletto della Rocca (620 m). Qui due possibilità:

a) più divertente; si sale a sinistra su sentiero e si superano alcuni salti rocciosi arrivando su anticima (756 m). Poi breve piano e salita portano in vetta (793 m).

b) più agevolmente; si segue la carrareccia e, trascurando le deviazioni, si giunge in circa 30 min sulla cresta sommitale (vecchia antenna) e poi in vetta.

Per il ritorno: si segue la carrareccia che scavalca la cima sud (785 m) si scende per cresta ovest poi a sinistra e ad altro bivio ancora a sinistra (Cian de Barca), poi si scende per sterrata fino ad un quadrivio . Qui si prende a sinistra (tre pallini rossi). Si supera una frana detta Sliggia e poi ci si ricongiunge con l'itinerario di salita.A destra si ritorna a Cunio.

Pranzo: al sacco

Coordinatori : 1mo Livio Cesarini , 2do Andrea Messina


 

 

 

 

 

 


 

Visualizza le attività programmate dal gruppo Visualizza i link proposti dal gruppo
Vai al download dei file relativi al gruppo Visualizza le foto relative al gruppo

 

STAGIONI:
Anno 2017